domenica 12 febbraio 2012

"War Horse" di Steven Spielberg


È possibile raccontare al cinema un melodramma epico d’altri tempi, per gran parte ambientato durante l’immane tragedia della prima guerra mondiale, dal punto di vista di un cavallo? È questa la grande sfida che deve aver affascinato Steven Spielberg, convincendolo a trasporre sul grande schermo War Horse, l’eccentrico romanzo per ragazzi di Michael Morpurgo (1982) in cui il protagonista è un destriero che assume persino le vesti del narratore. Al cinema però – come d’altronde a teatro, dove il romanzo è già stato adattato – è impossibile osare tanto, essendo la componente antropomorfica essenziale all’immedesimazione dello spettatore. E così Spielberg e i due sceneggiatori Richard Curtis (I Love Radio Rock) e Lee Hall (Billy Elliot) hanno deciso di raccontare una storia in cui non c’è un narratore interno, senza far quindi ricorso alla voice over di alcun personaggio (tanto meno del cavallo) e seguendo le incredibili vicende del portentoso equino di razza Joey e degli esseri umani che di volta in volta condividono il suo avventuroso percorso.


Poco dopo la nascita Joey viene acquistato all’asta dal contadino inglese Ted Narracott (Peter Mullan), il quale, folgorato dalla bellezza del quadrupede, per ottenerlo spende una cifra superiore alle proprie possibilità, pur avendo bisogno di un animale in grado di trascinare l’aratro per i campi. Data l’ingente spesa, Ted alla fine del mese non ha più a disposizione la somma necessaria per l’affitto della casa e del terreno da coltivare. Diviene allora prioritario insegnare a Joey ad arare i campi al fine di ripagare, in ritardo e con gli interessi, il poco sensibile proprietario terriero: un’impresa ardua visto che Joey è un puro sangue e non  certo un cavallo da tiro. Il figlio di Ted, Albert (Jeremy Irvine, al suo esordio cinematografico), si assume allora la responsabilità di domare Joey e di farlo lavorare. Tra il ragazzo e il cavallo nasce e si sviluppa un rapporto profondo ma allo scoppio delle guerra Ted, per saldare i debiti ed evitare di perdere la casa, vende Joey di nascosto dal figlio all’esercito in partenza per il fronte. Da qui – siamo a quaranta minuti circa di narrazione sulle quasi due ore e trenta totali – parte tutto un altro film, che racconta la guerra seguendo le peripezie di Joey attraverso gli orrori. Fino a un finale che strizza l’occhio con evidenza al cinema classico di John Ford.


War Horse è molto interessante se si prendono in considerazione i meccanismi di identificazione che innesca nello spettatore. Oltre ad essere talmente ben costruito da riuscire a tratti persino a far entrare lo spettatore in empatia con il cavallo (peraltro in maniera anche intensa), la struttura della storia ci porta più volte ad appassionarci alle vicende degli esseri umani che a mano a mano si susseguono al fianco di Joey, abituando con sistematicità chi guarda ad abbandonare dei personaggi per abbracciarne subito dopo degli altri. L’opera di Spielberg potrebbe dunque essere definita come una sorta di bizzarra pellicola corale sui generis (si partecipa alle vicende di soldati inglesi, tedeschi e francesi, oltre che a quella di una piccola famiglia transalpina) che ruota però tutta attorno alla figura del cavallo protagonista.


Girato con maestria da uno Spielberg evidentemente ispirato (superbi i carrelli laterali che seguono le galoppate di Joey nei campi di battaglia o le sequenze in trincea che per un attimo portano alla mente Orizzonti di gloria di Kubrick), War Horse è una favola epica assai elegante nella forma, fieramente anacronistica e nostalgica, che privilegiando il punto di vista di un cavallo sugli accadimenti bellici ci mostra con forza, mediante un’operazione che in parte ha certamente un effetto straniante, l’assurdità e l’atrocità della guerra voluta dagli uomini. Senza dubbio il film di Spielberg fa ricorso ad una buona dose di retorica, come d’altronde avviene in quasi tutto il cinema del sessantaseienne cineasta nordamericano. Ma in questo caso ci sembra che, considerato il contesto fiabesco e avventuroso dell’opera, ciò non costituisca affatto un elemento di disturbo ma vada invece accettato come una componente quasi inevitabile nel contesto dell’operazione complessiva, chiaro omaggio a quei film d’avventura classici di un tempo che ora non si producono più. Eccellenti il lavoro del direttore della fotografia Janusz Kaminski (già premio Oscar per Schindler’s List e Salvate il soldato Ryan) e le musiche originali del celebre compositore John Williams, entrambi fidi collaboratori di Spielberg.


Articolo pubblicato su cinemartmagazine

6 commenti:

  1. un film tradizionale di Spielberg come solo lui ci ha abituati, sinceramente mi aspettavo molto di più..

    RispondiElimina
  2. assolutamente non d'accordo, sorry...

    questo è uno dei film più penosi che abbia mai visto! :)

    RispondiElimina
  3. @Lorant: forse io non ne sono rimasto deluso perché non mi aspettavo di più: un solido film epico d'avventura come omaggio al grande cinema di una volta. Una grande favola per famiglie ottimamente realizzata e con una gran bella dose di retorica come in questi casi si conviene (generalmente la retorica mi dà molto molto fastidio - e per questo motivo non sono affatto un grande fan di Spielberg - ma in questo caso davvero l'ho presa come parte del gioco)
    @Marco Goi (Cannibal Kid): addirittura uno dei film più penosi che tu abbia mai visto! :)
    Certo, mi rendo conto che non se non si entra nell'ottica di stare guardando un melodrammone d'altri tempi (con retorica e semplificazioni annesse), il film potrebbe anche risultare fastidioso. Ma questo è secondo me con evidenza un grande omaggio al cinema che Spielberg adorava da bambino (anche se diversissimo, lo vedo in qualche modo come la risposta spielberghiana al "Super 8" di J.J. Abrams).

    RispondiElimina
  4. sulla risposta a Super 8 di JJ si, sono daccordo, potrebbe starci, ma quando dici che qui Spielberg ti è parso ispirato ho storto il naso, a me sembra tutto il contrario, decisamente sottotono seppure il suo stile tradizionalissimo è riconoscibile a chilometri di distanza.

    RispondiElimina
  5. Era proprio il rischio retorica che non volevo sopraffacesse il tutto, rimanendo invece sempre congeniale e accettabile come in quasi tutto il cinema di Spielberg. Dunque tu mi confermi che la mia paura forse non ha fondamenti e mi induci a guardare il film con aspettative ancora più alte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che apprezzi il film come l'ho apprezzato io, ho sentito e letto che a molti invece l'elemento retorico ha dato parecchio fastidio. A me sostanzialmente non ha per nulla fatto storcere il naso, come ho cercato di spiegare sinteticamente nella mia recensione, soprattutto tenendo in considerazione la natura complessiva e gli obiettivi dell'opera. Fammi sapere che nei pensi, una volta che l'avrai visto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...