venerdì 30 giugno 2017

Il nuovo film di Paul Thomas Anderson non si chiamerà "Phantom Thread" e PTA è stato anche il direttore della fotografia

Paul Thomas Anderson sul set del suo nuovo film in una foto di Glenn Kilpatrick

Torno a scrivere su Cinemagnolie da fine aprile per darvi due nuove importanti notizie riguardo l'ultima fatica di Paul Thomas Anderson sul mondo della moda londinese degli anni Cinquanta. Indiewire infatti ieri ha confermato i rumours di cui vi avevo già informato lo scorso 2 febbraio: il grande cineasta losangelino che proprio quattro giorni fa ha compiuto 47 anni, oltre a curare la regia e la sceneggiatura del suo nuovo film, si è occupato anche della fotografia. Come avevo ipotizzato in questo articolo del 30 gennaio, nonostante centiania di siti in tutto il mondo ormai dessero per scontato che si trattasse del titolo ufficiale, è stato inoltre reso noto che il lungometraggio non si chiamerà Phantom Thread, titolo con cui durante la produzione si faceva riferimento al film riprendendo il nome della società registrata in Gran Bretagna dalla produttrice Megan Ellison.

giovedì 27 aprile 2017

Un piano sequenza per Jonathan Demme: Paul Thomas Anderson ha diretto "Right Now", il video del nuovo singolo delle Haim


Poche ore fa è stato diffuso su Youtube un video girato in studio di registrazione da Paul Thomas Anderson del nuovo singolo del gruppo pop rock tutto al femminile Haim, intitolato Right Now. La canzone anticipa l'uscita di Something to Tell You, il secondo album della band losangelina formatasi nel 2008 che sarà disponibile negli Stati Uniti a partite dal 7 luglio. Il regista statunitense, dopo le tre collaborazioni con i Radiohead dell'ultimo anno (Daydreaming, Present Tense, The Numbers), continua dunque a dimostrarsi molto interessato a realizzare video musicali per artisti o gruppi che stima e apprezza, attività che ormai gestisce con costanza in parallelo a quella cinematografica che l'ha reso celebre.

giovedì 30 marzo 2017

L'ultimo atteso film di Paul Thomas Anderson uscirà il 25 dicembre negli Stati Uniti; guarda le 6 nuove foto "clandestine" dal set


Nella giornata di ieri al CinemaCon di Las Vegas la Focus Features ha ufficializzato che il nuovo film di Paul Thomas Anderson ambientato nel mondo della moda londinese degli anni cinquanta sarà distribuito negli Stati Uniti a partire dal giorno di Natale, il 25 dicembre. Anche se non è stato specificato, come di consueto per questo tipo di cinema d'autore che non si rivolge a un pubblico di massa si partirà molto probabilmente con una limited release in una manciata di sale newyorchesi e losangeline, per poi passare a gennaio 2018 a una distribuzione più ampia. 

sabato 18 febbraio 2017

"Song to Song": il primo trailer del nuovo film di Terrence Malick con Michael Fassbender, Natalie Portman, Rooney Mara e Ryan Gosling


Nella giornata di ieri è stato diffuso online il primo trailer del nuovo lavoro di Terrence Malick, intitolato Song to Song dopo essersi chiamato per anni, durante la lunga lavorazione, Weightless. Il film infatti è stato girato a partire dal 2012 in contemporanea con Knight of Cups, uscito in Italia lo scorso novembre. Ho già scritto qui circa le mie notevoli perplessità sul nuovo corso post-The Tree of Life di Malick, da quando il cineasta è divenuto improvvisamente prolifico con quattro film in cinque anni (e un ulteriore lungometraggio ambientato durante la seconda guerra mondiale, Radegund, attualmente in postproduzione). Riuscirà il grande regista texano a tornare al caratteristico potente, filosofico intimismo svanito negli ultimi anni a favore di un ermetismo autoreferenziale e a tratti persino irritante?

giovedì 2 febbraio 2017

Nuove interessanti informazioni sull'atteso film di Paul Thomas Anderson: guarda altre 16 foto dal set


Tre giorni fa, quando ne avevano scritto solo una manciata di siti in tutto il mondo, vi avevo informato dell'inizio delle riprese in Gran Bretagna del nuovo film di Paul Thomas Anderson. Bene, ora è ufficiale: la Focus Features ieri lo ha infatti annunciato con un comunicato stampa, rivelando al contempo però ulteriori interessanti informazioni sull'attesissimo lungometraggio. Prima di tutto, si sa qualcosa in più (anche se poco) sulla trama. Se finora era emerso che il film del cineasta losangelino sarebbe stato ambientato nel mondo della moda londinese degli anni Cinquanta, ora sappiamo che sarà incentrato sulla vita di un talentuoso e intransigente sarto (Daniel Day-Lewis, naturalmente) che lavora per la famiglia reale e i membri dell'alta società britannici. Oltre all'attore tre volte premio Oscar, del cast faranno parte senz'altro anche Lesley Manville e la giovane Vicky Krieps, oltre molto probabilmente a Richard Graham (pur non nominato nel comunicato stampa della Focus Features, la ARG Talent Agency che cura gli interessi dell'attore lo segnala sul proprio sito).

lunedì 30 gennaio 2017

Le riprese del nuovo film di Paul Thomas Anderson sono iniziate in Gran Bretagna: le prime 20 foto esclusive dal set


Era da settembre che non se ne avevano più notizie, da quando Deadline aveva pubblicato per prima un articolo in cui si affermava che i diritti del film (dal budget stimato di 35 milioni di dollari) erano stati acquisiti dalla Focus Features. Ora, a quasi cinque mesi di distanza, ci sono significative novità riguardo l'atteso nuovo lungometraggio di Paul Thomas Anderson ambientato nel mondo della moda londinese degli anni Cinquanta, ufficialmente ancora privo di titolo. Tre giorni fa, infatti, sono iniziate ad apparire online alcune immagini dal set scattate dal fotografo Glenn Kilpatrick e possiamo così dare per certo che le riprese in Gran Bretagna, precedentemente annunciate proprio per l'inizio di quest'anno, siano di fatto iniziate. Secondo quanto riportato dalla Whitby Gazette, negli scorsi giorni la troupe del film ha girato nella cittadina inglese di Lythe per poi spostarsi a Robin Hood's Bay, con la produzione che dovrebbe rimanere nel North Yorkshire anche nel mese di febbraio.

giovedì 26 gennaio 2017

Paul Thomas Anderson, "Vizio di forma" e quella firma sulla mia tesi di laurea


Occasionalmente, la funzione di Facebook che ogni giorno propone agli utenti ricordi legati alle loro condivisioni virtuali degli anni precedenti ti riserva delle belle sorprese. Proprio oggi è stata una di quelle volte. Il 26 gennaio di due anni fa, infatti, incontravo insieme ad altri giornalisti Paul Thomas Anderson (oltre a Joaquin Phoenix e la produttrice JoAnne Sellar), nell'ambito dell'attività stampa romana per l'uscita del suo ultimo lungometraggio di finzione: il capolavoro Vizio di forma.
Essendo da quasi due decenni un grandissimo ammiratore del regista losangelino (la visione di Magnolia a 13 anni in un certo senso mi ha cambiato la vita, d'altronde il nome di questo blog non è frutto del caso), incontrarlo per la prima volta in un contesto che non fosse una distaccata conferenza stampa di un Festival rappresentava per me un momento particolarmente sentito. E ricordo con estremo piacere la mezz'ora scarsa passata con lui, per certi aspetti anche introverso ma molto disponibile e alla mano.

lunedì 23 gennaio 2017

Never Mind the Bollocks, Here's the Sex Cowboys. Intervista ad Adriano Giotti, il regista di "Sex Cowboys"

Con un passato da bassista in un gruppo hardcore punk, il trentaduenne regista fiorentino racconta così la sua opera prima: “Come nel punk con due accordi si riusciva a raggiungere una grande libertà d'espressione, in Sex Cowboys abbiamo cercato di sfruttare al massimo l'essenzialità dei mezzi a disposizione”.


Adriano Giotti all'inizio avrebbe voluto scrivere romanzi. L'incontro con Alessandro Baricco alla Scuola Holden però ha inaspettatamente modificato i suoi piani. Il noto scrittore aveva infatti da poco realizzato il suo film Lezione ventuno e propose agli studenti un corso pratico di regia. Da lì in avanti la vita di Adriano è cambiata. Attualmente vive tra Madrid e Roma e dopo una gran quantità di videoclip e numerosi cortometraggi, ha realizzato il suo lungometraggio d'esordio Sex Cowboys, vincitore del premio per il miglior film italiano all'ultima edizione del RIFF: una piccolissima opera indipendente incentrata su una coppia che per cercare di sbarcare il lunario riprende i propri rapporti per venderli sul web e dove il sesso viene messo in scena in maniera molto esplicita. Abbiamo incontrato Adriano, accompagnato anche dai due protagonisti Francesco Maccarinelli e Nataly Beck's.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...