venerdì 22 giugno 2012

"Rock of Ages" di Adam Shankman: la recensione


1987. Mentre nell’industria musicale stanno maturando i tempi per un passaggio dal rock al pop, una bella ragazza proveniente dalla provincia americana (Julianne Hough, una sorta di incrocio tra Christina Aguilera e Jennifer Aniston) si trasferisce a Los Angeles nella speranza di affermarsi come cantante. Qui, grazie all’aiuto di un ragazzo con aspirazioni da musicista appena conosciuto (Diego Bonita), si ritrova subito a lavorare come barista nel celebre "Bourbon Room", lo storico locale dove in passato si sono esibiti alcuni dei principali gruppi rock nazionali. Le cose iniziano però a complicarsi quando la nuova amministrazione losangelina decide di dichiarare guerra al luogo di esibizione notturno, cercando un pretesto legale per farlo chiudere al fine di liberare i giovani dai vizi propri di una vita all’insegna del rock.


A tratti molto divertente, Rock of Ages fa felicemente leva su una serie di personaggi di contorno ben scritti e ottimamente interpretati, che funzionano molto bene: la moglie bacchettona del sindaco di Los Angeles che si fa paladina della battaglia contro il rock (Catherine Zeta-Jones), l’appassionato padrone del "Bourbon Room" (Alec Baldwin), il manager arrivista (Paul Giamatti), ma soprattutto la scoppiettante ed esilarante super-rockstar perennemente sballata Stacee Jaxx (Tom Cruise). Decisamente meno riusciti sono però i personaggi dei due ragazzi protagonisti Drew e Sherry, sin troppo stereotipati e la cui storia d’amore con inevitabile crisi temporanea è appena abbozzata, non riuscendo a rivelarsi appassionante a tal punto da reggere nella fondamentale parte centrale della narrazione, che si trascina con fatica tra un numero musicale e l’altro.


Tratto dall’omonimo musical di Broadway di Chris D’Arienzo e sceneggiato dallo stesso D’Arienzo con Justin Theroux e Allan Loeb (co-autore del tutto fuorché memorabile script di 21), Rock of Ages è dunque un film discontinuo che va a corrente alternata, entusiasmando in taluni momenti (tutte le scene in cui è presente Tom Cruise/Stacee Jaxx, più una serie di situazioni che vedono protagonisti in particolare Paul Giamatti e Catherine Zeta-Jones) ma presentando anche degli evidenti cali di ritmo (le due ore di durata appaiono eccessive).
Se le coreografie e i numeri musicali sono indubbiamente di buona fattura e la regia di Adam Shankman è dignitosa, a non convincere è un aspetto essenziale per qualsivoglia tipo di musical che si rispetti: l’evoluzione della storia e in particolar modo della psicologia dei protagonisti attraverso lo sviluppo dei numeri musicali. Cosa che ad esempio funzionava meglio in due musical recenti e diversissimi tra loro (il primo più riuscito del secondo) come Across the Universe (2007) e Burlesque (2010).


Spassoso l’inno finale al rock con sbeffeggio del pop commerciale stile boy band che stava per emergere prepotentemente nell’ultimo decennio del ventesimo secolo, anche se, come più di qualcuno ha giustamente fatto notare, quel rock anni ottanta era già una versione edulcorata e tendente al commerciale della grande stagione rock sviluppatasi nei due decenni precedenti. Questa considerazione storico-musicale comunque, che si contrappone con evidenza alle convinzioni dell’ideatore del musical D’Arienzo, non è certo il principale problema di Rock of Ages.


11 commenti:

  1. perfetto, io ti aggiungo volentieri tra i "Siti amici" :)

    RispondiElimina
  2. ciao!Nuova "seguace"! ;)
    devo dire che ho trovato un Tom Cruise in splendida forma e perfetto nei panni della rockstar. Io ho visto il musical, ovviamente una spanna sopra al film, ma cmq sia mi ha divertito anche se trovo davvero difficile farlo rientrare nella categoria "musical"...ma d'altronde, dove lo si potrebbe collocare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, davvero in grandissima forma Tom Cruise, che per lunghi tratti si prende letteralmente sulle spalle l'intero film.

      Elimina
  3. Caio Luca, seguirò appena possibile questo film, perchè sono sempre molto intrigata dalle pellicole musicali. Grazie di cuore per la tua iscrizione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, e buona scrittura nel tuo blog!

      Elimina
  4. Hai un bellissimo blog, complimenti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Arianna, faccio subito un salto nel tuo di blog! :)

      Elimina
  5. Hmm.... vorrei vederlo per i numeri musicali e le comparsate di gente esilarante come Tom Cruise, ma la storiella d'amore trita e ritrita mi stomaca un po'... Ci penserò su!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei cosa consigliarti ... per me anche solo il personaggio di Tom Cruise vale il prezzo del biglietto (magari di mercoledì sera), anche se nel complesso si rimane piuttosto delusi dal film.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...