venerdì 25 ottobre 2013

"Quando sei nato non puoi più nasconderti" di Marco Tullio Giordana: la recensione


Ispirato all’omonimo libro-inchiesta della scrittrice e giornalista milanese Maria Pace Ottieri, dal quale oltre al titolo riprende poche stimolanti suggestioni legate a situazioni o figure particolari, Quando sei nato non puoi più nasconderti di Marco Tullio Giordana venne presentato con un certo successo al Festival di Cannes del 2005, dove vinse il Premio “François Chalais” (assegnato ogni anno all’opera che meglio riflette un peculiare aspetto della realtà sociale).
Seguendo una struttura aristotelica rigorosamente scandita in tre atti, il film ricorre all’efficacia del linguaggio classico – sul piano narrativo gioca abilmente con anticipazioni e richiami, alternanze e ripetizioni – per raccontare con sapienza drammaturgica la storia di Sandro (Matteo Gadola), un dodicenne bresciano di famiglia agiata che, partito per una vacanza in barca con il padre (Alessio Boni) e l’amico avvocato Popi (Rodolfo Corsato), cade in mare di notte perdendosi nelle acque del Mediterraneo. Alcune ore più tardi, quando lo avvista un piccolo peschereccio colmo di migranti clandestini e diretto verso l’Italia, un giovane si tuffa prontamente per recuperarlo. Durante il viaggio, che si svolge in condizioni disumane senza acqua, cibo e servizi igienici, Sandro stringe amicizia con Radu (Vlad Alexandru Toma), il ragazzo rumeno che gli ha salvato la vita, e la coetanea Alina (Ester Hazan), con la quale nel corso dello sviluppo diegetico instaura un legame sempre più forte. Entrato all’improvviso in contatto con un mondo di miseria e disperazione che ignorava del tutto, egli inizia a prendere progressivamente coscienza delle condizioni di un intero popolo di immigrati cui in precedenza, per le strade della sua città o nella piccola fabbrica di proprietà del padre, si rapportava senza la sufficiente consapevolezza.


Sceneggiato dallo stesso Giordana (autore anche del soggetto) in collaborazione con il fido duo composto da Sandro Petraglia e Stefano Rulli, Quando sei nato non puoi più nasconderti ha il notevole pregio di affrontare la drammatica questione dell’immigrazione clandestina in Italia rifuggendo qualsivoglia tipo di retorica e, soprattutto, abbracciando la complessità del contesto. Tutti i personaggi rappresentati, a partire dai bresciani benestanti sino agli immigrati, passando per i due scafisti alla guida del peschereccio, sono delineati con ricchezza di sfumature e una psicologia sfaccettata, per nulla scontata. Spesso il bene e il male non sono entità marcatamente distinte e Giordana, partendo da questo dato ineludibile, sceglie saggiamente di limitarsi a mettere in scena eventi (con apprezzabile forza visiva) e a porre problemi, senza fornire facili risposte o edulcorate soluzioni narrative dal sapore catartico. Paradigmatico a tal proposito è il suggestivo finale aperto, con la malinconica sfocatura dell’ultima inquadratura che conduce ai titoli di coda. Ottime le interpretazioni dell’intero cast, sorprendenti i giovani esordienti Gadola, Toma e Hazan.

Articolo precedentemente pubblicato nel numero 8 dei «Quaderni del CSCI» - Rivista annuale di cinema italiano (2012)

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...