venerdì 23 dicembre 2011

"Le idi di marzo" di George Clooney


Dopo il piacevole divertissement di In amore niente regole (2008), omaggio gaio e spensierato alla screwball comedy e alla coppia d'attori formata da Cary Grant e Katharine Hepburn, George Clooney a sei anni di distanza da Good Night and Good Luck (2005) torna ad un progetto "serio" con i medesimi rigore formale e impegno civile. Riunendo un cast di grandissimo livello e assai nutrito (Ryan Gosling, Philip Seymour Hoffman, Paul Giamatti, Evan Rachel Wood e Marisa Tomei, oltre allo stesso Clooney), Le idi di marzo narra il duello senza esclusione di colpi tra i due esponenti democratici che ha luogo durante l’ultimo turno delle primarie, decisivo per stabilire il candidato presidente delle  elezioni  alle porte.
Stephen Meyers (Gosling) è un giovane spin doctor abile e ambizioso che affianca il navigato Paul Zara (Hoffman) nell’organizzazione della complessa campagna del governatore Mike Morris (Clooney), il quale propone una storica svolta nel campo dei diritti, del fisco, dell’ambientalismo e del risparmio energetico. A differenza di Zara, più esperto e smaliziato, Meyers è affascinato dalla seducente figura di Morris ed è sinceramente persuaso dal suo progetto politico, tanto da dichiararsi disposto a tutto pur di farlo arrivare alla Casa Bianca. Fino a quando non emergeranno una serie di eventi che muteranno radicalmente la sua prospettiva sul governatore simbolo del rinnovamento e, più in generale, sulle possibilità della politica.


George Clooney, alla sua quarta prova dietro la macchina da presa, dimostra ancora una volta di essere un ottimo regista (la sua filmografia d’altronde, per quanto ristretta, non dà adito a fraintendimenti) e racconta con un linguaggio asciutto, senza fronzoli e privo di qualsivoglia sbavatura, come la corruzione morale e i compromessi opportunistici siano inevitabilmente connaturati all’attività politica. Descrivendo così, con inaspettato disincanto e apprezzabile distacco, un mondo in cui per questioni ontologico-strutturali gli ideali di partenza, quando vi sono, non possono che perdere drammaticamente forza e un decisivo cambiamento sembra impossibilitato ad avere realmente luogo – a tal proposito, non appare azzardato cogliere tra le righe anche un riferimento alla complessiva delusione degli elettori democratici nei riguardi dell’attuale amministrazione Obama.


Ispirato alla pièce teatrale di Beau Willimon, Farragut North, e sceneggiato dallo stesso Willimon con Clooney e il suo fido collaboratore Grant Heslov, Le idi di marzo è costruito con impeccabili sapienza drammaturgica e senso del ritmo, potendo inoltre contare sulle efficaci interpretazioni di tutti gli interpreti principali (alcuni momenti che vedono protagonisti Gosling, Hoffman e Giamatti, in particolare, sono davvero notevoli). Nominata poco più di una settimana fa a ben sei Golden Globe – i noti premi attribuiti dalla stampa estera di Hollywood – la pellicola sembra essere tra le favorite per i prossimi Oscar, dove uno dei suoi principali avversari sarà molto probabilmente The Descendants di Alexander Payne, recentemente presentato al festival di Torino e interpretato dallo stesso Clooney. Il curioso titolo, a rappresentare metaforicamente il ruolo irrilevante che lealtà e rispetto ricoprono in politica, fa riferimento al 15 marzo del 44 a.C., il giorno in cui Giulio Cesare fu assassinato da Bruto insieme agli altri cospiratori.

5 commenti:

  1. Davvero una conferma per Clooney...
    Partecipa al sondaggio "il miglior film 2011" su Cinepolis
    http://dino-freezone.blogspot.com/2011/12/vota-il-miglior-film-del-2011.html

    RispondiElimina
  2. Votato con piacere, ti ho mandato anche una mail privata. A presto!

    RispondiElimina
  3. Bel film, anche se Good night and good luck era un'altra cosa. Cmq le idi di marzo è ben scritto, ben interpretato (anche se il protagonista accentua troppo i toni melodrammatici, meglio i comprimari), insomma un film solido, che dimostra che Clooney ci sa fare anche dietro la macchina da presa.

    RispondiElimina
  4. film parecchio interessante, soprattutto per la spietata rappresentazione politica.
    clooney come regista però è un pochino troppo tradizionale e classico per convincermi al 100%...

    RispondiElimina
  5. @Marco Goi (Cannibal Kid): su Clooney regista io invece trovo molto affascinante questo impianto tradizionale e classico da film impegnato, solido e rigoroso (stilisticamente ed eticamente) d'altri tempi. @ MonsieurVerdoux: In questo senso lo accomuno a Good Night and Good Luck, che forse è comunque superiore, come scrivi tu.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...